Saltar al contenido
Mandato SEPA

Qual è la differenza tra proprietario e comproprietario di un conto bancario?

Il titolare di un conto bancario è la persona che possiede i fondi depositati in detto conto, o il debitore in caso di richiesta di prestito. Ma qual è la differenza tra titolare e comproprietario di un conto corrente bancario?

In questo articolo spiegheremo quali sono tre figure essenziali in ambito bancario e come si differenziano: il titolare, il comproprietario e la persona autorizzata di un conto corrente bancario.

differenza tra proprietario e comproprietario

Cosa significa avere un conto in banca?

Il titolare è la persona, fisica o giuridica, che ha tutti i diritti e le facoltà sul conto bancario   che apre a suo nome, e che deve sottoscrivere il contratto che lo regola. Nel caso di operazioni attive, il titolare del conto sarebbe il debitore.

Ebbene, quanti titolari può avere un conto bancario? Un conto può avere uno o più titolari  , che possono essere definiti sia al momento dell’apertura che successivamente.

Il comproprietario di un account

Il comproprietario di un conto bancario ha gli stessi diritti e doveri del titolare, ma la sua responsabilità può variare a seconda del grado di comproprietà del contratto.

In questo modo possiamo distinguere tre tipologie di merce:

  • Indistinto o solidale:  è una modalità che include persone che possono effettuare movimenti sul conto corrente in totale libertà. È comune, soprattutto tra i vettori che hanno un rapporto di fiducia. Ad esempio, un genitore e un figlio condividono la proprietà di un account, anche se il genitore non fornisce i fondi.
  • Coniuge o coniuge : In questo tipo di proprietà, ciascuno dei proprietari ha bisogno dell’approvazione degli altri per prendere qualsiasi tipo di decisione. È il più utilizzato in ambito professionale per consentire ai soci di un’azienda, ad esempio, di far fronte a determinati pagamenti.
  • Subordinato:  In questa modalità, sono stabiliti diversi livelli nella capacità decisionale dei titolari di conto. In questo caso, i titolari di un titolo superiore non necessitano di autorizzazione per svolgere le operazioni. Gli altri antipasti ne hanno bisogno. In caso di decesso di uno dei proprietari, invece, verranno congelati solo i fondi appartenenti al defunto fino alla redazione del testamento.

Qual è la differenza tra proprietario e comproprietario?

Come già detto, il proprietario è colui che firma il contratto e ha i diritti sul conto bancario. I cointestatari condividono la proprietà dei fondi di questo conto con il proprietario o con altri cointestatari.

La principale differenza tra proprietario e comproprietario di un conto bancario è che  un comproprietario può essere incluso in un secondo  momento (non è necessario che lo sia al momento della firma del contratto) e un proprietario deve essere colui che firma il contratto in quel momento . Inoltre, essere comproprietario non implica avere gli stessi fondi degli altri proprietari (un comproprietario non può nemmeno possedere fondi), quindi   la comproprietà non è stabilita in parti uguali .

In altre parole, il fatto di condividere un conto corrente significa che, davanti alla banca, tutti possono avere accesso al denaro che c’è in esso. Ma la proprietà dei fondi dipende dall’origine e dal rapporto che i co-titolari intrattengono tra loro.

Quindi, aprire un conto bancario condiviso non significa che dobbiamo pagare le tasse su fondi che non ci appartengono.

Qual è la differenza tra titolare e autorizzato in un conto bancario?

Ora che sappiamo cosa sono un titolare di conto e un comproprietario e in che cosa differiscono, spiegheremo   cosa significa essere la persona autorizzata di un conto bancario  e qual è la differenza tra il proprietario e la persona autorizzata.

Una persona autorizzata è la persona che può  utilizzare il denaro nel conto per conto del proprietario,  ma con alcune limitazioni.

Pertanto, la principale differenza tra proprietario e autorizzato in un conto bancario è che il proprietario (o comproprietario) è il proprietario dei fondi e può prendere decisioni. La   persona autorizzata ha invece una firma per operare sull’account  (con l’autorizzazione del titolare)   ma senza esserne il titolare . In altre parole, puoi fare depositi, bonifici o scrivere assegni, per esempio, ma non puoi richiedere carte di credito o cancellare conti.

In questo modo le rendite in conto capitale sono attribuite esclusivamente al titolare e, in caso di morte, la persona legalmente autorizzata non può disporre del denaro depositato sul conto corrente bancario. In altre parole, perdi tutti i diritti sull’account e non potrai effettuare ulteriori transazioni.

Pertanto, dal momento della morte del proprietario,  il denaro che gli appartiene è paralizzato fino all’esecuzione del testamento . Se più titolari agiscono sul conto, verrà bloccata solo la parte corrispondente al defunto. Inoltre, anche l’intestatario di un conto bancario non ha alcuna responsabilità legale per debiti e obblighi fiscali.

Diritti Autorizzati

I diritti della persona autorizzata su un conto bancario dipendono da quanto stabilito nella lettera di autorizzazione in questione. Nel caso in cui l’autorizzazione sia di carattere generale, la persona autorizzata può disporre dell’account in nome del titolare.
Le principali azioni che la persona autorizzata può compiere sono le seguenti:

  • Avere un saldo in conto  (effettuare pagamenti e movimenti di saldo in generale).
  • Effettuare una richiesta di informazioni , senza necessità del consenso del titolare.

Al contrario, la persona autorizzata non può modificare le condizioni del contratto o richiedere il blocco del conto corrente bancario. È anche importante notare che le persone autorizzate in un conto bancario possono essere incluse dopo l’apertura.

Inoltre, vale la pena ricordare che questo numero è comune quando il titolare di un account è un’azienda ed è necessario che ci siano altre persone, dipendenti, che possono essere autorizzate a gestirlo.

Ora che conosci la differenza tra proprietario, comproprietario e conto bancario autorizzato, non esitare a chiedere se hai domande. Ti leggiamo!